Se sei incinta e manifesti sintomi come perdite abbondanti, prurito e irritazione, devi contattare il tuo medico o il ginecologo, che esaminerà il tuo caso e prescriverà la giusta terapia

Non è raro che le donne sperimentino molti più disagi vaginali durante la gravidanza che in qualsiasi altro momento. I cambiamenti che il nostro corpo subisce durante lo sviluppo e la crescita del feto e durante l’allattamento sono per lo più governati dai livelli ormonali e hanno un impatto su ogni aspetto della nostra vita.

Nausea, aumento di peso e smemoratezza sono argomenti molto discussi tra le future mamme, mentre poco si parla dell’infezione vaginale micotica che può essere un vero problema durante la gravidanza, compromettendo la vita amorosa spesso già scossa dei futuri felici genitori. Ma anche se la micosi vaginale, o il mughetto, può essere grave, ricorrente e fastidiosa, di solito non comporta alcun rischio né per la madre né per il bambino. Se hai un’infezione micotica quando inizi il travaglio, c’è la possibilità che il bambino la contragga e sviluppi un’infezione in bocca.

Tuttavia, se sei incinta e manifesti sintomi come perdite abbondanti, prurito e irritazione, devi contattare il tuo medico, che esaminerà il tuo caso e prescriverà la giusta terapia. È possibile utilizzare in sicurezza le terapie antimicotiche più comuni durante la gravidanza.

Quali sono i sintomi di una infezione micotica vaginale?

I sintomi del mughetto vaginale sono:

Alcuni di questi sintomi possono comparire in altre condizioni, come la vaginosi batterica o le malattie sessualmente trasmissibili. Poiché queste condizioni possono avere gravi conseguenze sulla madre e sul bambino, è importante che contatti il medico per discutere i sintomi.

Infezioni micotiche ricorrenti durante la gravidanza

A volte, indipendentemente dalle terapie prescritte e a causa del cambiamento del livello degli ormoni, le donne incinte soffrono di ripetute infezioni micotiche. La Candida albicans, il microrganismo responsabile della maggior parte dei casi di micosi, può persino diventare resistente alla terapia antimicotica.

Una terapia prebiotica può offrire un certo supporto per la flora vaginale, ma nella maggior parte dei casi da sola non è sufficiente per affrontare l’infezione. Se ti trovi in questa situazione, solitamente si cerca di alleviare i sintomi, fino a dopo il parto e a quando gli ormoni torneranno alla “normalità”. Ti potrebbero essere di aiuto spray o gel che rinfrescano la pelle e attutiscono il prurito e la sensazione di bruciore. Tuttavia, ogni gravidanza è diversa e dovresti consultare un medico prima di decidere di utilizzare qualsiasi prodotto nella tua zona intima.

Condividi