La vaginosi batterica in gravidanza è legata ad alcune conseguenze più gravi, e dovrebbe quindi essere trattata non appena diagnosticata.

La gravidanza è un periodo di cambiamenti e aspettative

Le nostre funzioni corporee si concentrano sull’assistenza alla nuova vita dentro di noi e ci preparano al parto, all’allattamento al seno e alla cura dei bambini. Anche se può essere piacevole, è tutt’altro che un periodo senza preoccupazioni. Cambiamenti rapidi, compresi i cambiamenti nei livelli dei nostri ormoni, possono portare a vari disagi e dolore. Oltre a causare problemi a noi, diverse malattie e infezioni possono avere un impatto sulla nostra gravidanza, sullo sviluppo del nostro bambino o sul parto. Ad esempio, la vaginosi batterica in gravidanza è legata ad alcune conseguenze più gravi e dovrebbe quindi essere trattata non appena diagnosticata.

Cos’è la vaginosi batterica?

La vaginosi batterica è uno dei disturbi vaginali più comuni. È causata dalla perturbazione dell’equilibrio microbico nella vagina e può avere sintomi da lievi a gravi come: secrezione acquosa bianca o grigia, odore sgradevole di pesce, irritazione e dolore nella zona vaginale.

Anche se questi sintomi sono spiacevoli, non sono pericolosi per la vita e nella maggior parte dei casi possono essere trattati con antibiotici o prodotti che aiutino il ripristino dell’equilibrio della flora vaginale.

Tuttavia, la vaginosi batterica può avere conseguenze più gravi durante la gravidanza, incluso il rischio di parto prematuro. Per questo motivo, le donne incinte dovrebbero contattare immediatamente un operatore sanitario se sospettano di avere la vaginosi batterica.

Come trattare la vaginosi batterica durante la gravidanza?

L’uso di farmaci in gravidanza è molto limitato e deve essere sempre fatto solo dopo aver consultato il medico. A volte, i farmaci non sono utilizzati a causa dei loro potenziali rischi per il bambino, ma molto spesso sono evitati per la semplice mancanza di prove che il rischio non esiste.

Esistono prodotti che possono aiutare a ripristinare il pH della vagina e consentono ai batteri buoni di ristabilire l’equilibrio della flora nell’ambiente vaginale. Alcuni di questi prodotti possono essere utilizzati durante la gravidanza, ma poiché ogni donna e ogni gravidanza sono diverse, la terapia deve essere discussa con il medico.

Vuoi saperne di piu?

Condividi